Un nuovo campo di Libera a Polizzi Generosa (Pa) dal 25 al 31 luglio. “Madonie: terre di memoria, impegno e resistenze”

199
Una nuova proposta di campo estivo con Libera Palermo, in un luogo ricco di storia, cultura e risorse ambientali, per ripercorrere la lotta e la resistenza alla mafia, dalle lotte contadine e sindacali sino alle forme odierne di riuso sociale delle terre confiscate alle mafie e delle cooperative che se ne prendono cura.
Partecipanti: Max 15 maggiorenni (dai 19 anni ai 30 anni)
Periodo e durata: 7 giorni, 6 notti, dal 25 al 31 luglio
Quota iscrizione: 160 euro
Contesto e focus del campo: Il campo si svolgerà a Polizzi Generosa, nel cuore del Parco delle Madonie. Poco distante da Palermo, questo parco si estende su un vasto territorio ricco di peculiarità ambientali ma anche di storia e cultura. Nel borgo madonita di Polizzi, che si erge su un promontorio a 900 mt circa sul livello del mare, i partecipanti avranno modo di conoscere le storie di resistenza e di contrasto alla mafia che le Madonie hanno espresso attraverso le lotte contadine del passato, sino ad arrivare alle forme odierne di riuso sociale di beni confiscati e alle forme di resistenza contro lo spopolamento e l’abbandono delle cosiddette aree interne. In particolare, nel territorio di Polizzi sorge il feudo Verbumcaudo, bene confiscato alla famiglia mafiosa dei Greco, che oggi racconta, attraverso il lavoro e il riscatto di queste terre, una storia possibile di riuso sociale, attraverso le attività e i prodotti della Cooperativa omonima.
 
Attività formative
Le attività formative si svolgeranno presso alcune sale del Municipio, ex Convento dei Gesuiti, giardini e spazi verdi o sedi di associazioni locali. Durante la settimana di campo si approfondiranno i seguenti temi:
– la memoria delle vittime innocenti delle mafie e la resistenza alla mafia agraria, attraverso il racconto della storia di Epifanio Li Puma, contadino e sindacalista di Raffo (Petralia Soprana), ucciso il 2 marzo 1948. Incontremo un familiare della famiglia Li Puma, visitando Raffo, Petralia Soprana e i luoghi del suo agire
– il riuso sociale dei beni confiscati e il riscatto di territori e persone attraverso il lavoro: visiteremo la cooperativa Verbumcaudo per conoscere la storia di questo feudo confiscato ai Greco e cosa oggi è diventato grazie al lavoro di 12 ragazzi/e del territorio.
– le ecomafie e la sostenibilità ambientale: con escursioni guidate alla scoperta della biodiversità del Parco;
Si svolgeranno alcune attività laboratoriali su questi temi:
– il fenomeno della “Restanza”, il contrario della “Spartenza”, dell’emigrazione, che si esercita con il diritto al restare nei propri luoghi di origine. Si lavorerà sulla memoria dei luoghi e delle persone, raccogliendo storie (di giovani che sono rimasti e di anziani che non sono mai andati via).
Attività di impegno:
– attività sui terreni della cooperativa Verbumcaudo e a fianco dei suoi lavoratori nei processi produttivi
– piccole attività di rigenerazione su spazi comunali (anche con interventi artistici, creativi, ecc.) come pulizia spazi, giardini, ecc.
– collaborazione con centri aggregativi per attività di volontariato a favore di bambini, adulti, anziani, concordate con le associazioni locali
Alloggio: Struttura di accoglienza privata: sistemazione in B&B, sito nel centro del paese, in camere condivise
Vitto: I pasti saranno forniti da un catering locale e saranno consumati in uno spazio fornito dal Comune, dove a ora di pranzo e cena i partecipanti si ritroveranno per i momenti di convivialità alimentare.
 
Spostamenti: Servizio navetta organizzato per i campisti A/R stazione FS Palermo – Polizzi
 
Altre info:
Per info:
Eliana Messineo – Referente E!state Liberi!Libera Palermo
Telefono: 3283016849 – Indirizzo e-mail: eliana.messineo@gmail.com

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi un commento
Inserisci qui il tuo nome